Come scegliere una power bank

Non importa quale sia il valore o la qualità dei nostri smartphone: senza batterie cariche, non servono. Per un mondo in movimento, assicurarsi che i tuoi dispositivi rimangano carichi per tutta una giornata di uso costante è un must. Per fortuna, abbiamo oggi le power bank – ovvero dei caricatori portatili – per ricaricare i nostri smartphone in movimento, ma scegliere la power bank più adatta per il proprio telefono non è facile. In questo articolo ti presentiamo alcuni suggerimenti rapidi che ti aiuteranno a sceglierne una, in modo da mantenere i tuoi dispositivi carichi per tutto il tempo che desideri!

Ci siamo trovati tutti in situazioni in cui avremmo voluto che la nostra elettronica non si esaurisse mai, specialmente in caso di emergenza. Sapere come scegliere una power bank è essenziale per la tua comodità e sicurezza. Fortunatamente, ci sono dispositivi che possono aumentare la durata della batteria dei nostri telefoni e tablet ogni volta che è necessario. Una volta che hai un’idea di cosa cercare in una power bank (puoi trovarne vari ottimi modelli ad es. qui), non dovrai mai più preoccuparti di uno smartphone morto o morente.

Cosa valutare in una Power Bank

Innanzitutto, discuteremo le cose più importanti a cui prestare molta attenzione quando inizi a fare acquisti per una power bank. Potresti pensare che siano tutte uguali quando, in realtà, differiscono tutte l’una dall’altra in molti modi. Eccoli brevemente illustrati:

Cerca la miglior power bank qui

  1. Capacità

La capacità di una power bank è generalmente descritta in mAh, ed è il numero più importante a cui prestare attenzione. Descrive la quantità totale di energia che il pacco batteria manterrà quando è necessaria una carica. Ad esempio, potresti trovare power bank da 10.000 mAh o anche power bank da 20.000 mAh. A seconda dei dispositivi che intendi caricare, potresti aver bisogno di più o meno capacità.

La capacità di una power bank è fondamentale nella scelta.

Se prevedi di utilizzare la tua power bank solo per caricare il telefono, 5.000 mAh o meno saranno sufficienti. Se intendi caricare dispositivi più grandi come un tablet o desideri caricare il telefono più volte senza ricaricare la power bank, avrai bisogno di qualcosa di più di 10.000 mAh. Una power bank con 10.000 mAh o più può caricare un telefono fino a 4 volte (o un tablet fino a 2,5 volte) senza essere ricaricata. Il modo migliore per sapere quale capacità cercare è prestare attenzione alla potenza della batteria.

Ad esempio, un iPhone 8 è dotato di una batteria da 1.821 mAh. Finché opti per un power bank da almeno 1.821 mAh, riceverai almeno una carica completa, se non di più. La maggior parte degli smartphone riceverà cariche più che sufficienti con una power bank da 10.000 mAh, fino a tre o quattro a seconda del dispositivo che possiedi. Tuttavia, se hai dispositivi elettronici più grandi, come un Nintendo Switch, ti consigliamo di considerarne una con 20.000 mAh o più.

La power bank che acquisti dovrebbe avere almeno le stesse dimensioni della batteria del tuo dispositivo. Ciò garantirebbe che la batteria venga caricata completamente almeno una volta con la power bank. Tuttavia, se la batteria del telefono si scarica spesso, procurati  la power bank in milliampere ora (mAh) più alta che puoi permetterti in modo da avere una carica sufficiente per le emergenze.

L’interno di una tipica power bank.

  1. Porte disponibili

Le porte disponibili sulla tua power bank influenzeranno la comodità dell’unità e la frequenza con cui la usi. La maggior parte delle persone ritiene che una porta sia sufficiente, poiché probabilmente caricheranno solo un dispositivo alla volta. Tuttavia, ti consigliamo vivamente di optare per una power bank che abbia almeno due porte e supporti la doppia ricarica.

In particolare, se sei una persona che viaggia spesso con amici o familiari, sicuramente vorrai una power bank con più porte in modo da poter caricare i dispositivi di tutti contemporaneamente. Altrimenti, scoprirai che la ricarica dei tuoi dispositivi può richiedere due o tre volte più tempo del previsto. Inoltre, vorrai che la power bank possa supportare le porte USB-c.

  1. Dimensioni e peso

Anche se all’inizio potrebbe sembrare banale, rimarrai sorpreso da quanto siano importanti le dimensioni e il peso della tua power bank. L’ultima cosa che vorrai è essere bloccato a viaggiare con un dispositivo più pesante di un mattone. Idealmente, vorrai un dispositivo che pesi meno di 300 grammi e che inoltre si adatti comodamente al palmo della tua mano.

Una power bank da 20.000 mAh con porta USB-C. Ne trovi un’ampia scelta qui.

Nella maggior parte dei casi, le power bank con capacità maggiori saranno più grandi semplicemente a causa delle dimensioni delle batterie di cui hanno bisogno. Inoltre, se opti per una power bank con più di due porte, sarà più grande di altri dispositivi sul mercato. Più leggera è la tua power bank, più comodo sarà portarla con te ovunque. Quindi dovrai trovare un opportuno compromesso.

La portabilità di una power bank è direttamente correlata alla sua capacità di ricarica. Più milliampere ore ha, più grande sarà fisicamente la power bank e quindi meno portatile sarà. Le dimensioni dell’iQunix MiniPower, ad esempio, sono 10 cm per 2,3 cm per 2,3 cm, ma ha una capacità di soli 3.350 mAh. L’Anker PowerCore II 20000, d’altra parte, ha una capacità di ricarica di 20.000 mAh e dimensioni di 17 cm per 6,4 cm per 2,0 cm.

  1. Velocità di ricarica

Questa è un’altra grande caratteristica che differirà da una power bank all’altra. La velocità di ricarica non determinerà solo la velocità con cui la power bank stessa si ricarica dalla rete o da una porta USB, ma anche la velocità con cui carica i tuoi dispositivi: smartphone, tablet, etc. Una power bank di alta qualità avrà almeno una o due porte dotate di Quick Charge 3.0 o superiore.

Vari tipi di power bank oggi sul mercato.

Una porta Quick Charge 3.0 può facilmente dare al tuo iPhone fino al 100% di durata della batteria in meno di un paio d’ore. Anche se non esiste un’unica power bank che funzioni rapidamente come una presa a muro, non dovrebbero essere necessarie diverse ore per caricare completamente il telefono. Anche se stai cercando una ricarica rapida della batteria, non dovresti aspettare più di un’ora.

Quando determini se la velocità di ricarica di una power bank è all’altezza, considera il dispositivo più grande che possiedi. È quindi possibile confrontare il tempo necessario per caricare qualcosa di più grande con un dispositivo più piccolo. Alcune power bank ti danno la possibilità di caricare completamente i MacBook in meno di cinque o sei ore.

Trova una power bank con un’uscita e un ingresso di ricarica elevati. La maggior parte delle power bank avrà un’uscita da 1 ampere (A) o 2,1 A o entrambe. Un’uscita da 1 A è generalmente sufficiente per un telefono, mentre un’uscita da 2,1 A è più adatta per un tablet. Le power bank per laptop hanno solitamente un’uscita da 3 A. Gli ingressi vanno invece da 1 A a 2,4 A.

Una power bank con più porte per collegarvi vari dispositivi contemporaneamente.

Caratteristiche opzionali da considerare

  1. Rivestimento antiscivolo

Non ti renderai conto di quanto sia prezioso un rivestimento antiscivolo fino a quando non lasci cadere la tua power bank per la prima volta, probabilmente danneggiandola. Molte persone dovranno tenere la loro power bank mentre caricano i loro dispositivi e sicuramente non vorrai che ti scivoli di mano e si strappi dai tuoi dispositivi. Un certo tipo di rivestimento antiscivolo è altamente consigliato, oppure valuta l’acquisto di una custodia che puoi avvolgere attorno al dispositivo.

  1. Cavi inclusi

È difficile trovare una power bank dotata di cavi aggiuntivi, anche se – se puoi – dovresti considerare di acquistarlo. Non solo vorrai assicurarti che la power bank sia dotato di un cavo USB per caricare la power bank stessa, ma anche di cavi extra per collegarla ai tuoi dispositivi. Questo ti darà tutto il necessario per utilizzare la power bank appena estratta dalla scatola.

  1. Sicurezza

La tensione di uscita della power bank dovrebbe essere uguale o superiore a quella del tuo dispositivo. Per garantire la sicurezza dei tuoi costosi smartphone, scegli una power bank dotata di interruzione di corrente in caso di cortocircuito. Per una maggiore durata della tua power bank, cerca la funzione di taglio automatico per impedire che venga sovra-caricata.

Una power bank che usa comuni pile ricaricabili.

  1. Garanzia

Come con qualsiasi elettronica, è essenziale che tu abbia una garanzia su cui ripiegare che copre i difetti del produttore. Per quanto utili, anche i dispositivi elettronici sono volubili e non vorrai sostituire la tua power bank di tasca tua 30 giorni dopo aver effettuato l’acquisto. Si consiglia di prendere in considerazione un dispositivo coperto da una garanzia di almeno 12 mesi.

  1. Indicatori luminosi a LED

Quando carichi i tuoi dispositivi, apprezzerai moltissimo la presenza di spie LED odi uno schermo LCD che ti dice quanta carica della batteria è rimasta nella power bank. Ciò elimina tutte le congetture per cercare di capire quando è il momento di ricaricare il dispositivo. Avrai anche un’idea chiara di quante cariche puoi ottenere da una power bank completamente carica. Cerca le migliori power bank low-cost online qui.