Come scegliere il microfono migliore

Che tu stia girando un video per YouTube o iniziando un nuovo podcast, l’audio è estremamente importante. Non rovinerà il tuo cortometraggio o il podcast e molti fantastici contenuti vengono realizzati utilizzando solo il microfono integrato nel tuo smartphone, ma avere un suono eccezionale può davvero portare il tuo progetto al livello successivo. Il problema è cercare di capire quale microfono è il migliore per te, e ciò può essere un processo scoraggiante. Un sacco di gergo tecnico non è importante, ma può essere difficile distinguere le cose importanti. Quindi cosa devi cercare in un microfono?

Hai finalmente messo insieme le basi del tuo studio di registrazione domestico. Hai la tua interfaccia audio, i tuoi monitor o cuffie e la tua DAW. A meno che tu non stia facendo la tua musica esclusivamente con pacchetti campione o sintetizzatori VST, avrai bisogno di un’altra cosa per ottenere suoni nella tua DAW: un buon microfono. Acquistare il tuo primo microfono (ne puoi trovare una vasta scelta di modelli con ottimo rapporto qualità/prezzo qui) è un grande momento, ma c’è una vasta gamma di microfoni là fuori e molto da sapere sul microfono.

Un buon microfono è ottimo per i musicisti che desiderano condividere la loro musica sui social media. Che tu stia girando un cortometraggio, avviando un canale YouTube o aggiornando la configurazione del tuo podcast, queste sono alcune cose che dovresti sapere. Naturalmente, conoscere il meglio possibile i dettagli di un microfono è importante se prendi sul serio il tuo mestiere, ma sapere cosa significa tutto comunque non ti trasformerà in un ingegnere del suono dall’oggi al domani.

La scelta del microfono migliore dipenda dalla sua applicazione.

Probabilmente il passo più importante per ottenere un buon audio è capire esattamente che tipo di audio si desidera registrare. Puoi comprare il microfono più costoso che riesci a trovare e comunque non ottenere un audio nitido e chiaro se ti trovi nell’ambiente sbagliato. Ci sono alcuni casi speciali, ma sono pronto a scommettere che se stai leggendo questo articolo ti interessa solo come registrare voci o strumenti. Sapere quale è più importante per te ti aiuterà a decidere il tipo di microfono da acquistare.

Quali sono i migliori microfoni? Quali sono i principali tipi di microfono? Quanto costano? Come scegliere il microfono giusto con cui iniziare? Poniti queste domande importanti e sarai in grado di restringere molto le tue scelte e trovare il microfono giusto per il tuo suono e, soprattutto, evitare di acquistare qualcosa che non ti serve. Quindi, per aiutarti a trovare il microfono che ti piace, ecco tutto ciò di cui hai bisogno per effettuare la giusta selezione del microfono.

Cerca i migliori microfoni professionali qui

Quali sono i diversi tipi di microfoni?

Una volta che sai cosa stai cercando di registrare, possiamo entrare nella parte più interessante. I dettagli possono creare un po’ di confusione se non hai mai incontrato la terminologia prima. Esistono due tipi principali di microfoni (ce ne sono altri, ma questi sono quelli che di solito incontrerai a meno che non spendi migliaia di euro): il dinamico e quello a condensatore. Ma calcola il tuo budget prima di addentrarti troppo nello shopping. In questo modo otterrai il massimo dai tuoi soldi.

I principali tipi di microfono sul mercato.

I microfoni dinamici

Il primo tipo di microfono è un microfono dinamico. Se immagini il microfono che un cantante o anche il tuo comico preferito usa sul palco, molto probabilmente stai immaginando un microfono dinamico. Questi microfoni funzionano alla grande in ambienti rumorosi. Hanno una piccola bobina all’interno che è sensibile alle vibrazioni sonore. Quando le onde sonore muovono la bobina, la vibrazione viene convertita in un segnale elettrico che può essere registrato. Puoi usarli per registrare un artista sul palco, se stai intervistando qualcuno per strada, o anche una chitarra o una cassa.

Questi microfoni sono anche ottimi per tutti questi ambienti perché i magneti e la bobina all’interno dei microfoni dinamici sono un po’ più resistenti rispetto ad altri microfoni. Non sono esattamente robusti, ma per la maggior parte possono subire un pestaggio senza essere completamente distrutti. La maggior parte delle persone consiglia lo Shure SM58, poiché è un microfono piuttosto resistente e versatile che funziona bene sia che tu sia sul posto o che registri alla scrivania. Inoltre, costa solo 100 euro .

Se ti piace l’idea di un microfono dinamico e desideri qualcosa di un po’ più in alto nello spettro, il microfono Telefunken M80 Dynamic è un’altra grande scelta. Sappi solo che se opti per questa scelta, dovresti probabilmente investire anche in un preamplificatore per alimentarlo. Nel caso del Telefunken M80 o del popolare Shure SM7B, potresti anche prendere in mano un piccolo e fidato dispositivo chiamato CL-1 Cloudlifter, che fondamentalmente dà solo un piccolo impulso al segnale audio prima che raggiunga la tua interfaccia per essere registrato.

Il  classico microfono dinamico Shure SM58. Lo trovi a buon prezzo qui.

I chitarristi elettrici sono fortunati quando si tratta di registrare. Uno dei classici di tutti i tempi per amplificare il microfono è l’essenziale Shure SM57. Anche se puoi sicuramente spendere molti più soldi per microfoni per chitarra, non pensare per un secondo che l’SM57 non sia una scelta professionale. Se stai invece cercando di realizzare registrazioni realistiche di strumenti acustici o di una band dal vivo, i microfoni a condensatore a diaframma piccolo potrebbero essere la scelta giusta.

I microfoni a condensatore

Il microfono a condensatore funziona in modo leggermente diverso e utilizza piastre del condensatore invece di bobina e magneti. È facile andare in dettagli tecnici, ma la cosa pratica che devi sapere è che i microfoni a condensatore sono più sensibili alle vibrazioni più piccole rispetto ai microfoni dinamici. Dove i microfoni dinamici vanno bene da usare con grancasse e chitarre, i condensatori non vanno bene.

Ti consigliamo di usare i microfoni a condensatore se stai cercando di cogliere le sottigliezze in una voce, come ad esempio quando registri un podcast o un cantante in una cabina. I microfoni condensatori a diaframma piccolo sono spesso venduti in coppie abbinate specificamente pensate per la registrazione stereo. Una coppia di condensatori a diaframma piccolo è perfetta per catturare un senso realistico di uno spazio e prestazioni acustiche intime.

I migliori microfoni condensatori a diaframma piccolo.

I casi d’uso dei microfoni a condensatore sono in genere molto più statici di quelli dei microfoni dinamici, principalmente perché le piastre dei condensatori non sono durevoli come i magneti. L’eccezione a questo sono i microfoni cosiddetti “a fucile”, che sono i microfoni giganti che vedi le persone in mano sui set dei film. Poiché sono così sensibili ai suoni più deboli, vale la pena rischiare di portarli in giro solo per assicurarti di catturare tutto ciò che dice l’attrice.

Se hai intenzione di registrare attori o te stesso sulla videocamera, un microfono a fucile è un ottimo modo per farlo. I microfoni a fucile sono un tipo di microfono a condensatore, quindi di solito sono abbastanza sensibili ai rumori forti. Se hai mai visto un video girato dietro le quinte, di solito vedrai che la persona che tiene un microfono a fucile sopra le teste degli attori punta verso il basso.

Ciò avviene per due motivi. Il primo è assicurarsi che non entri nella ripresa. Il secondo è perché puntare il microfono verso il basso in direzione del petto della persona che parla significa che raccoglierà solo la voce prima di raggiungere il suolo. Se punti il microfono verso l’alto nella bocca della persona invece che nel petto, raccoglierai anche tutto ciò che si trova dietro la persona. Se sei all’esterno, può essere un sacco di rumore extra che potresti non desiderare nella registrazione finale. Se sei in ambiente indoor, ciò può significare un sacco di tono di stanza in più di cui dovrai sbarazzarti in post.

Un tipico microfono a fucile usato per riprese video.

Se stai cercando un microfono a tutto tondo solido da usare a casa per la voce o gli strumenti a corda, un’ottima scelta è il microfono a condensatore Rode NT1-A che fa un lavoro abbastanza buono con quasi tutto. I microfoni a condensatore richiedono un po’ più di potenza rispetto ai microfoni dinamici per alimentarli, quindi avrai bisogno di qualcosa che possa fornire una cosiddetta “alimentazione phantom” al tuo microfono, come ad esempio un’interfaccia audio.

L’alimentazione fantasma è solo un bel nome usato in gergo tecnico per qualcosa che non è bello come i fantasmi reali. Significa solo che qualunque cosa tu colleghi il microfono ha la capacità di inviare + 48V di tensione di alimentazione attraverso il cavo al microfono. Di solito, questa funzionalità si trova nelle interfacce audio o in alcuni registratori portatili come lo Zoom H5.

Dovrei optare per un microfono USB o XLR?

I microfoni USB non sono soltanto comodi e facili da usare, ma sono anche generalmente più economici dei microfoni XLR. La maggior parte dei microfoni USB ha un diagramma polare cardioide, il che significa che captano il suono dalla parte anteriore, quindi sono ottimi per creare podcast o voci fuori campo. Tuttavia, se stai cercando di registrare musica vocale o strumentale o desideri un suono di qualità superiore per il tuo podcast, ti consigliamo di utilizzare un microfono XLR.

Vari esempi di microfoni USB.

Il nostro budget per il microfono è un fattore importante quando si tratta di acquistare il primo microfono. I microfoni XLR possono essere costosi e richiedono l’acquisto di un’interfaccia audio, ma producono audio di qualità molto superiore rispetto ai microfoni USB. La ragione di ciò è dovuta ai meccanismi interni di ciascun tipo di uscita del microfono. In un microfono USB, le correnti elettriche che escono dal microfono condividono un singolo canale con le correnti che vi entrano, il che può provocare un suono distorto.

I microfoni XLR, invece, hanno due canali per le correnti in entrata e in uscita (motivo per cui si chiama bilanciato), e annullano i rumori indesiderati. Anche se è un po’ più complicato di così, è facile pensarlo come una carreggiata: se stai percorrendo una strada molto stretta e un’auto che proviene dalla direzione opposta sta cercando di sorpassarti, è probabile che ti gratterai contro l’altra. Tuttavia, su un’autostrada, il traffico in arrivo è separato dalla tua corsia da una mediana, quindi non c’è pericolo di collisione.

A meno che tu non scelga un microfono USB, è probabile che avrai bisogno di un’interfaccia audio, poiché la maggior parte dei microfoni è dotata di una connessione XLR. Per registrare qualsiasi cosa digitalmente su un computer, avrai bisogno di un’interfaccia che puoi collegare al tuo computer. Alcuni di essi possono persino fornire l’alimentazione phantom necessaria per i microfoni a condensatore.

Il vantaggio dei microfoni USB è che non necessitano di un interfaccia, come la classica Scarlett.

Una classica interfaccia audio se non vuoi spendere una fortuna è l’interfaccia Scarlett 2i2, che, supponendo che non hai speso tutti i tuoi soldi su un microfono di fascia alta, dovrebbe funzionare perfettamente con la maggior parte dei microfoni. Ovviamente, un’interfaccia è necessaria solo se stai per registrare in un luogo prestabilito, poiché portarne una in giro nello zaino può essere una seccatura. Se stai per registrare sul posto, potresti usare un registratore portatile che può accettare anche ingressi XLR.

Diagrammi polari , risposta in frequenza, sensibilità e SPL

Una volta che hai capito per cosa vuoi usare il microfono e dove, il passaggio successivo è determinare cosa vuoi che il microfono registri. Vuoi che il tuo microfono registri solo ciò che è perfettamente davanti a lui o vuoi captare il suono tutto intorno a te? Questi modelli di registrazione sono chiamati modelli polari e sono più facili da leggere di quanto sembri. I nomi dei diversi tipi di diagrammi (pattern) possono intimidire, ma in realtà tutti nomi diversi per chiedere “Cosa vuoi che registri il microfono?”.

Un diagramma polare abbastanza comune è il cardioide. Questo è super facile da capire in quanto il motivo per cui prende tale nome è che significa “a forma di cuore” in latino, quindi questi microfoni raccolgono il suono a forma di cuore. Un altro tipo abbastanza comune di diagramma polare sono i microfoni omnidirezionali che, come avrete intuito dal nome, raccolgono il suono in tutte le direzioni. Ce ne sono alcuni altri come il super cardioide e il bidirezionale, e puoi indovinare che aspetto hanno.

Il tipico diagramma polare di un microfono cardioide.

Ci sono alcuni microfoni noti per la loro capacità di gestire più sorgenti in modo efficace. Sono principalmente condensatori a diaframma largo con diagrammi polari selezionabili. Avere accesso a diversi modelli polari rende un microfono molto più adattabile a diverse situazioni di registrazione. Ottime scelte sono l’Audio Technica AT4050 o l’AKG C414. Ovviamente, un numero enorme di musicisti cerca principalmente di registrare la voce. È qui che le cose si fanno un po’ più complicate.

La risposta in frequenza è menzionata molto spesso nei datasheet, ma non tutti sanno davvero cosa significa. La parte pratica che devi sapere è che la risposta in frequenza di qualcosa si riferisce a quanto bene i componenti del microfono possono riprodurre i segnali che sta captando. In un mondo perfetto, sarebbe una riproduzione uno a uno. Il microfono sentirà un suono e lo convertirà perfettamente in un segnale elettronico che viene trasferito perfettamente nel registratore. In realtà, le vibrazioni si perdono lungo il percorso e alcuni dati non arrivano mai alla registrazione finale.

Il modo in cui misuriamo quanto bene un microfono può trasferire il segnale è ciò che visualizziamo come un grafico della risposta in frequenza. Se una certa nota di un segnale esce dal microfono leggermente più debole di quanto è entrata, viene visualizzata come una leggera flessione nel grafico. Se esce più potente di quando è entrata, allora viene visualizzata come una leggera gobba. Questa è la versione pratica semplificata di ciò che devi sapere. Ciò influenza il tuo suono e la tua musica.

Esempio di risposta in frequenza di un microfono.

Quando guardi le specifiche tecniche, due termini vengono fuori abbastanza spesso: sensibilità e SPL. Sembrano fantasiosi, ma in realtà sono molto semplici. La sensibilità è una misura del suono più silenzioso che il microfono sarà ancora in grado di captare. Più basso è questo numero, più sensibile è il microfono e più basso può essere il suono che finirà comunque nella registrazione finale. D’altra parte, SPL sta per Sound Pressure Level. Questo numero è solo una misura del suono più forte e viene misurato in decibel.

Alcuni consigli pratici per l’uso del microfono

Abbina il tuo microfono al tuo stile di canto Può sembrare ovvio, ma non tutti i microfoni funzionano bene per i cantanti metal come fanno per i cantanti jazz. Diversi stili di canto a volte richiedono diversi tipi di microfono. Sfortunatamente, non c’è modo di consigliare il microfono perfetto per un cantante specifico senza qualche sperimentazione. Per darti qualche idea, ecco alcune caratteristiche del microfono associate a stili vocali comuni:

  • Voce femminile soffocante: un microfono con un’estremità superiore liscia che non diventa sibilante.
  • Voce maschile baritono: un microfono in grado di catturare chiaramente i caldi bassi e medi.
  • Stili vocali urlanti o aggressivi: un microfono in grado di gestire l’SPL elevato e i transienti intensi di un’esibizione urlata.
  • Rapping: un microfono che non è troppo sensibile alle forti esplosioni delle sillabe pronunciate.

Esempio di microfono omnidirezionale e unidirezionale.

Curare la stanza è il consiglio più importante e sottovalutato di cui nessuno parla. Direi che è più importante del microfono che prendi per il tuo audio. I microfoni come il Telefunken M80 di cui abbiamo parlato prima possono fare un buon lavoro in situazioni pessime in cui non puoi controllare l’ambiente, ma se porti quel microfono in una stanza adeguatamente trattata, il tuo audio andrà da buono a ottimo. Puoi spendere migliaia di euro per insonorizzare adeguatamente la tua stanza, ma se il tuo budget è limitato assicurati prima di schiumare gli angoli della stanza.

Infatti, qui è dove la maggior parte del suono rimbalzerà e finirà per causare problemi nella registrazione. Dopo averlo fatto, puoi andare avanti coprendo le superfici piane della stanza con la schiuma. Come ho già detto, ciò può diventare costoso. Per tenere un po’ di soldi in tasca, un metodo provato e vero, è realizzare un semplice fortino. Saresti sorpreso di quanto gettare una coperta sopra di te possa migliorare la qualità del tuo suono. Puoi anche sollevare il materasso per assorbire ancora di più il suono di rimbalzo. Se tutto il resto fallisce, puoi sempre provare a correggere ciò che hai in post-produzione con il software.

Ti sei mai chiesto perché i microfoni lavalier sono sempre posizionati proprio sotto il mento nella zona del torace? C’è una ragione per questo, e non ha nulla a che fare con l’essere più vicini alla bocca della persona che parla. I microfoni lavalier hanno poca o nessuna imbottitura o protezione contro gli urti, a differenza dei microfoni dinamici, che possono essere urtati senza troppi problemi. I microfoni lavalier (ne puoi trovare di ottimi ad es. qui) devono essere piccoli e innocui, il che non lascia molto spazio per qualsiasi imbottitura, quindi posizionarli in un’area che non viene colpita spesso (come il petto) è un modo per evitare problemi di “schiocchi”.

Un classico microfono lavalier wireless. Li puoi trovare qui.