Come collegare un pickup piezo a un computer

Per collegare il pickup – cioè il microfono piezoelettrico a contatto – di una chitarra elettrica o acustica, oppure di altri strumenti musicali (violino, tamburo, etc.), a un PC o un laptop hai soltanto bisogno di alcune attrezzature di base. In questo articolo imparerai le diverse opzioni per collegare una chitarra o altro strumento a un PC e qual è quella giusta per te; i diversi programmi e plugin; come utilizzare il computer come amplificatore. Scopri così come, dopo aver collegato la chitarra al computer, puoi usarlo per registrare la tua esecuzione e per sperimentare diversi simulatori di amplificatori.

In generale, vorrai collegare uno strumento musicale alla porta di ingresso di linea (LINE) sul tuo computer, non alla porta del microfono (MIC), che è spesso mono. Non tutti i computer, però, avranno una porta di ingresso di linea. Alcuni laptop PC possono disporre di uno switch hardware o software per convertire la porta del microfono (MIC) in stereo a livello di linea (LINE). Tuttavia questo collegamento non solo pone grossi rischi per la tua scheda audio, ma per i pickup non è ottimizzato a livello di impedenza.

Alcuni notebook / netbook per PC potrebbero avere una porta di ingresso per microfono conforme che tollererà gli ingressi a livello di linea (LINE), cioè non amplificata, e potrebbero fornire un ingresso stereo. Nel caso, prova sempre prima a livello di linea (LINE) e utilizza un ingresso microfono (MIC) solo se non è possibile ottenere un volume di registrazione adeguato. Ma sappi che è possibile acquistare interfacce USB di qualità discreta a prezzi modici con ingresso stereo LINE, cioè non amplificato.

Gli ingressi e le uscite di una tipica scheda audio integrata di un computer.

Come collegare uno strumento musicale a un PC

Se, ad esempio, hai una tastiera elettronica dotata di jack RCA sul retro, il modo migliore per collegarla a un computer è con un cavo mini-plug da RCA a stereo, collegato dai jack di uscita RCA sul retro della tastiera alla porta di ingresso di linea (LINE) del computer. Se la tastiera ha sul retro due jack grandi, da 3,5 mm, sarà necessario un jack da 2 x 3,5 mm a un jack stereo da 3,5 mm, oppure è possibile utilizzare un cavo da mini RCA a mini-plug stereo e due RCA su un adattatore da 3,5 mm.

Se la tastiera non ha nessuna di queste opzioni, ma ha un jack per cuffie stereo da 3,5 mm, il modo più semplice per collegarla è con un cavo con una mini-spina stereo dal lato PC e una presa jack stereo di dimensioni adeguate all’altra estremità per la presa delle cuffie della tastiera. Collega l’uscita cuffie della tastiera alla porta di ingresso di linea (LINE) del PC. Perderai però la possibilità di ascoltare direttamente la tastiera usando le cuffie e tutti gli altoparlanti interni verranno disattivati.

Il collegamento a un computer di una chitarra elettrica (o altro strumento musicale che utilizzi un microfono pickup – cioè un trasduttore piezoelettrico posto a contatto – ma qui faremo in particolare l’esempio di una chitarra) è invece più complesso, perché richiede un hardware speciale chiamato “interfaccia audio”. Quest’ultima elabora in modo sicuro il segnale della tua chitarra in qualcosa che il tuo computer può utilizzare, se non vuoi rischiare di distruggere la tua scheda audio.

Un pickup piezo fai-da-te. Questo sensore piezoelettrico tondo si può acquistare su Internet per pochi euro (ad esempio qui) ed è ottimo per gli strumenti musicali.

Anche se il tuo computer ha prese di ingresso audio, dunque, non puoi collegare direttamente la tua chitarra elettrica e devi usare un’interfaccia audio. Se provi a collegare la tua chitarra direttamente alle prese del microfono (amplificata) o line-in (non amplificata) della scheda audio del tuo computer usando un connettore, rischi di danneggiare la tua chitarra o il tuo computer. Le prese di ingresso audio non sono state progettate per gestire l’ingresso dalla tua chitarra e ciò non funzionerà.

Infatti vi sono due tipi di problemi legati ai pickup usati su chitarre o altri strumenti: la tensione del segnale è troppo elevata rispetto a quanto l’ingresso MIC di una scheda audio accetta; i pickup sono dispositivi ad alta impedenza (hi-Z) e per connetterli direttamente a un ingresso che accetta il segnale di un dispositivo ad impedenza diversa occorre trasformare il segnale: in pratica è necessario “far vedere” alla scheda audio il pickup della chitarra (o altro strumento) come se fosse un microfono.

Tre possibili collegamenti per l’uso “live” di una chitarra elettrica.

Il livello di uscita da una chitarra elettrica (o pickup elettrico in una chitarra acustica) è sufficiente per pilotare la porta di ingresso della linea su un computer. Ruota il controllo del volume della chitarra completamente verso l’alto. Se non riesci a ottenere un buon livello di registrazione quando ti colleghi alla porta di ingresso di linea (LINE) puoi usare – a tuo rischio – l’ingresso del microfono (MIC) sul tuo computer, ma il ronzio e il rumore possono aumentare rispetto all’uso della porta di ingresso di linea.

Invece, per adattare l’impedenza si può usare una cosiddetta Direct Injection Box (nota anche come D.I. Box): un dispositivo elettronico che permette di trasformare il tipo di linea (collegamento elettrico) del segnale audio da sbilanciata a bilanciata, dal punto di vista – appunto – dell’impedenza. Il dispositivo ha un’alta impedenza di ingresso, permettendo il collegamento di dispositivi come un basso elettrico, una chitarra, una tastiera. La linea bilanciata è molto meno sensibile ai disturbi elettrici.

In pratica il segnale viaggia su una coppia di fili all’interno di una calza metallica collegata a massa come elemento di schermo contro i disturbi elettrici. Questa tecnica è usata specialmente per linee lunghe, per esempio per trasportare il segnale di uno strumento o di un microfono fino al mixer lontano anche decine di metri. Infatti l’uso delle D.I. Box è molto diffuso da parte dei tecnici del suono, specialmente nei concerti dal vivo. Queste D.I. box sono alimentate e, pertanto, dette “attive”.

Un esempio di Direct Injection Box attiva. Ne puoi trovare diverse qui.

L’alimentazione delle D.I. Box attive viene tipicamente fornita da una batteria da 9V oppure direttamente con l’alimentazione phantom attraverso gli stessi cavi di collegamento. Invece le D.I. Box “passive”, che cioè non contengono elementi elettronici attivi come amplificatori o transistor, essendo essenzialmente composte soltanto di un trasformatore di impedenza avente delle adeguate caratteristiche audio, non hanno bisogno di alimentazione e sono bidirezionali.

Qualsiasi D.I. Box passiva o attiva permette il collegamento di sorgenti con segnali di diversa intensità – strumenti o microfoni (basso), livello di linea (medio), speaker (alto) – a mixer o ad ingressi bilanciati di altri impianti. La risposta in frequenza può essere ad es. di 20-20.000 Hz. In particolare, una D.I. Box permette di “far vedere” alla scheda audio il pickup piezoelettrico come se fosse un microfono. Ma non permette di bypassare la scheda audio del PC, che spesso è scadente. Ecco allora come fare.

Il collegamento tramite un’interfaccia audio

Esistono varie opzioni per collegare una chitarra elettrica a un computer per registrarne il suono, quindi nel seguito esamineremo ciascuna opzione. Il modo più popolare per collegare una chitarra elettrica a un computer è utilizzare un’interfaccia audio. Un’interfaccia audio è una semplice scatola che ti consente di collegare la tua chitarra o altri ingressi e, oltre a svolgere il lavoro di adattamento dell’impedenza di una D.I. Box, converte il segnale in un segnale digitale da inviare via USB al tuo computer.

La gamma più popolare di interfacce audio per chitarristi è la gamma Focusrite Scarlett (puoi trovare qui i diversi modelli, caratteristiche e prezzi), di cui puoi vedere nella figura qui sotto un esempio. Sebbene vi siano molti pulsanti e manopole sulla parte frontale della scatola, l’idea di base è che ti consente di collegare un cavo per chitarra dalla tua chitarra elettrica all’interfaccia. Dopodiché, l’interfaccia elabora il segnale della chitarra e lo invia tramite USB al computer.

Un’interfaccia audio per collegare la chitarra e altri ingressi audio al computer: la Scarlett 2i4. In pratica, è un preamplificatore microfonico di alta qualità per bypassare la scheda audio del PC. Puoi trovare i vari modelli di questo produttore qui.

Puoi notare che l’interfaccia qui sopra ti permette di collegare più strumenti (o microfoni) contemporaneamente. Ciò è fantastico, se hai intenzione di registrare, in quanto puoi registrare più microfoni o più strumenti contemporaneamente. La maggior parte delle interfacce audio consentono anche di collegare le cuffie direttamente all’interfaccia, il che consente di suonare la chitarra in silenzio. Perciò questa è un’ottima opzione se sei interessato a suonare la chitarra con le cuffie.

In pratica, con un’interfaccia audio come questa, puoi collegare la tua chitarra direttamente al primo jack di ingresso, dopodiché puoi facoltativamente collegare un microfono al secondo jack di ingresso e registrare entrambi contemporaneamente. Ciò significa che puoi catturare contemporaneamente due diversi segnali acustici della tua chitarra acustica. Questo è un ottimo modo per registrare la chitarra acustica, perché ti dà un’enorme flessibilità con il tono del tuo strumento.

Un’altra interfaccia audio a più ingressi dello stesso produttore: la Scarlett 2i2. Con i suoi ingressi di linea (LINE) bilanciati, consente di mixare e registrare fino a 24-bit e 192 kHz di campionamento.

Puoi infatti mescolare la tua registrazione tra i due ingressi in base al suono che ti piace. Puoi posizionare il microfono ovunque desideri catturare toni diversi, cosa impossibile con il solo pickup interno. Si consiglia vivamente di avere due diverse registrazioni tonali delle parti della tua chitarra. Dunque, l’opzione di collegamento al computer consigliata per una chitarra elettroacustica è quella di utilizzare un’interfaccia audio che offra più ingressi, come ad es. la Focusrite Scarlett 2i2.

Il microfono più semplice per integrare il pickup è un microfono dinamico. Questo è il tipo di microfono più tollerante in quanto non è così sensibile e quindi è meno probabile che tu abbia bisogno di un trattamento acustico per ottenere una registrazione incontaminata. È perfetto per ottenere un bel suono di chitarra rock incisivo. Se si utilizza un microfono XLR, come ad es. lo Shure SM58, è necessario un cavo XLR per collegare il microfono all’ingresso del microfono dell’interfaccia audio.

Il microfono dinamico Shure SM58.

Con un microfono a condensatore a diaframma piccolo (come ad es. l’AKG C1000, buon compromesso tra dinamico e condensatore) otterrai un suono pulito e piacevole. In effetti, un condensatore a diaframma piccolo è perfetto per tutta una serie di situazioni di registrazione domestica. O, per un suono caldo e corposo prova a usare un microfono a condensatore a diaframma grande. Questo è il tuo “microfono da studio”, ma poiché è più sensibile raccoglie più suono ambientale della stanza.

Sebbene l’interfaccia illustrata sopra sia un’ottima opzione che si adatta a molti chitarristi, un’opzione più semplice ed economica è l’iRig HD 2 di IK Multimedia. Questa piccola interfaccia potrebbe non essere in grado di processare più strumenti o microfoni contemporaneamente come la Focusrite Scarlett, ma è una buona opzione se si desidera collegare una sola chitarra al computer. Puoi anche usarla per collegarti a un Mac, iPhone o iPad (Android non è supportato), ad es. quando sei in viaggio.

L’interfaccia iRig HD 2 di IK Multimedia, spartana ma funzionale. Essa garantisce audio digitale a 96 kHz con conversione A/D a 24 bit. Ne puoi trovare anche altre simili qui.

Interfacce diverse hanno caratteristiche diverse, quindi pensa a ciò che è importante per te. Tutte le interfacce faranno il lavoro di base del collegamento della chitarra a un computer. Quando decidi quale interfaccia audio acquistare, pensa perciò alle seguenti domande:

  • Vuoi essere in grado di registrare più strumenti contemporaneamente?
  • Vuoi essere in grado di collegare un microfono al tuo computer?
  • Vuoi registrare la batteria in futuro (richiede più microfoni per i migliori risultati)?
  • Vuoi che l’interfaccia si connetta anche al tuo smartphone o solo a un computer?

Come registrare una chitarra con un computer

Se la tua chitarra acustica ha un pickup integrato e puoi collegare un cavo al suo interno, puoi utilizzare per il collegamento al PC l’opzione descritta in precedenza per le chitarre elettriche e poi effettuare la registrazione tramite un software audio (ad es. Audacity). Le chitarre acustiche con pickup interno sono in genere chiamate chitarre “elettro-acustiche”. La chitarra mostrata nella figura qui sotto mostra due jack diversi (XLR a sinistra e cavo per chitarra standard a destra).

Un esempio di chitarra elettro-acustica, o chitarra elettrica.

La maggior parte delle chitarre elettroacustiche, tuttavia, avrà solo un jack per cavo per chitarra standard. Se dunque la tua chitarra acustica ha un jack in cui puoi collegare un cavo, hai la più ampia gamma di opzioni per collegare la chitarra a un computer. Puoi infatti usare: (1) un’interfaccia audio; (2) un pedale multieffetto (se ha l’uscita USB); (3) un amplificatore per chitarra acustica (se dispone di uscita USB); (4) un microfono con un’interfaccia audio (come ora vedremo).

Infatti, la maggior parte dei pedali di effetti sono progettati per fornire all’amplificatore circa lo stesso volume del suono di chitarra inalterato (il volume che si ottiene quando l’effetto viene bypassato). Quindi puoi collegare la tua chitarra a un pedale e poi collegare il pedale al computer. Infatti, quasi tutti i pedali multieffetto hanno oggi una porta USB che consente di collegare il pedale al computer e utilizzarlo come interfaccia audio. Un’altra possibilità è usare un amplificatore per chitarra.

Alcuni amplificatori per chitarra includono un “output diretto” da fornire a sistemi di registrazione o live. Gli amplificatori progettati per l’uso sul palco che includono questa funzione di solito hanno un’uscita jack mono da 1/4 pollice a livello di linea (LINE) o un’uscita bilanciata a livello di microfono (MIC) mediante un connettore XLR. Basta quindi collegare questa uscita all’ingresso del microfono del computer, se la scheda audio è di buona qualità, o l’uscita LINE all’ingresso omonimo del PC.

Il retro di un noto amplificatore per chitarra.

Se vuoi collegare la tua chitarra a un computer perché non hai un amplificatore per chitarra, questa opzione non ti aiuterà. Ma, se hai un amplificatore, potresti voler controllare se ha una presa USB sul retro. Molti amplificatori moderni includono una porta USB che consente di collegare l’amplificatore al computer e utilizzarlo come interfaccia audio, bypassando completamente la scheda audio del PC, che spesso è di scarsa qualità. Dunque, ora hai già 3 possibili opzioni per collegare la chitarra al PC.

Se invece la tua chitarra acustica non ha un pickup integrato, dovrai utilizzare per forza un microfono con un’interfaccia audio per portare il segnale della chitarra nel tuo computer. Qualsiasi interfaccia audio che offre ingressi per microfono (come ad es. una Focusrite Scarlett) sarà una buona scelta. Ti consiglio di procurarti un’interfaccia audio che offra più di un ingresso per microfono contemporaneamente, in modo da poter registrare la tua chitarra con più microfoni in diverse posizioni.

Un’alternativa all’acquisto di un’interfaccia audio è quella di acquistare un microfono che può essere collegato direttamente al computer. Non consiglio però di collegare un microfono all’ingresso del microfono del tuo computer poiché il preamplificatore presente su una scheda audio tipica del computer fa schifo, pertanto conviene bypassarla fornendogli allo stesso tempo un segnale migliore con un microfono preamplificato di qualità. Qualcosa come l’iRig Mic Studio potrebbe adattarsi a te.

L’iRig Mic Studio permette di collegare al PC un microfono di qualità preamplificato via USB.

L’iRig Mic Studio è un microfono preamplificato con uscita USB che può essere collegato a un PC normale, Mac, Android o dispositivo iOS. Ciò lo rende un’ottima opzione per i chitarristi acustici che desiderano registrare idee a casa o in viaggio. Quando è collegato a un computer, funge da tipica interfaccia audio. Puoi collegare le cuffie direttamente al microfono e funziona in qualsiasi “workstation audio digitale” (DAW) utilizzata per la composizione, produzione, registrazione, mixaggio ed editing audio.

Come usare il PC quale amplificatore di strumento

Dopo aver scelto un metodo per collegare la chitarra al computer, puoi vedere come utilizzare il computer come amplificatore per la chitarra o il tuo strumento musicale. Per usare il tuo computer, ad esempio, come amplificatore per chitarra, devi usare un software che modelli amplificatori ed effetti per chitarra. Programmi come AmpliTube, Guitar Rig, BIAS FX o Helix Native di Line 6 ti permettono tutti di utilizzare il tuo computer come un vero amplificatore hardware per chitarra.

L’idea di base è che questi programmi o plugin fanno tutto ciò che una chitarra fa, ma lo fanno in modo digitale, un po’ come le “radio definite dal software” (SDR) simulano a livello software le radio tradizionali. Dunque, anche in questo caso, siamo di fronte a una vera e propria rivoluzione, tutta da “sperimentare”. Esaminiamo le opzioni più popolari per capire quale programma è giusto per te:

AmpliTube 4 di IK Multimedia – Si tratta della versione attuale di una suite di simulazione di effetti ed ampli molto popolare. AmpliTube 4 può essere eseguito come programma autonomo oppure come plugin all’interno di una DAW (Digital Audio Workstation). È possibile modificare i modelli di amplificatore, o persino modificare il tipo di valvole all’interno del modello di amplificatore in base ai propri gusti. Può anche essere usato per impostare diversi effetti pedali.

AmpliTube 4 in esecuzione come plugin all’interno di una DAW a scopo di registrazione.

Guitar Rig 5 di Native Instruments – Si tratta di un programma incredibilmente popolare che è sempre stato in stretta competizione con AmpliTube. Probabilmente ne sentirai parlare da altri chitarristi online poiché molti chitarristi lo usano ancora oggi. Tuttavia, in termini di età del software è antico. L’ultimo aggiornamento importante è stato nel 2011 e non si è parlato di Guitar Rig 6, mentre la tecnologia di modellazione è migliorata in modo significativo negli ultimi 10 anni.

BIAS FX di Positive Grid – Quando è stato rilasciato il primo BIAS FX, ha impressionato le persone con i suoi incredibili toni. Il software BIAS AMP ha permesso di scavare a fondo nei componenti di un modello di amplificatore e portarlo a un livello a cui nessun altro software si avvicinava. BIAS FX 2 è ora disponibile e, come prevedibile, supera il BIAS FX originale per qualità. Se stai cercando un sostituto di alta qualità per un vero amplificatore per chitarra, BIAS FX 2 è probabilmente la scelta migliore.

Helix Native di Line 6 – Si tratta di un plugin basato sul software di modellazione che ha reso così famosi i pedali Helix. Include tutto ciò che ti aspetteresti da un plug-in Helix come modelli di amplificatori, modelli di effetti, IR e altro ancora. Line 6 ha adottato un approccio visivo molto diverso rispetto ad altri programmi. Il layout corrisponde al display che vedi sulla pedana dell’Helix, anziché tentare di sembrare veri pedali e amplificatori. Perciò, è necessario abituarsi a spostare i cursori al posto delle manopole.